Il Sacro Graal e Mantova


Get Adobe Flash player

Alla ricerca del Santo Graal nelle Terre dei Gonzaga.

Per due Millenni, Milioni di Pellegrini, Curiosi turisti

hanno potuto essere vicino al Santo Graal

senza sapere di esserlo.

Esiste un città, in Italia, che da quasi duemila anni custodisce

il “Sang Real”, I Sacri Vasi contenenti il Sangue del RE dei RE:

MANTOVA


Italian Croatian Czech Danish English Estonian Finnish French German Greek Hungarian Norwegian Polish Portuguese Romanian Russian Serbian Slovak Spanish Ukrainian
Share on facebook
Font Size
   

IL SANTO GRAAL

Il Santo Graal Sconcertante, misterioso, imprevedibile, il Santo Graal è soprattutto un vero e proprio giallo storico che prende avvio da alcuni incredibili indizi ritrovati a Carcassonne,centro della Francia Meridionale(in Provenza). Il quadro che ne emerge è quanto mai sconvolgente:Gesù non morì sulla croce,sposò Maria Maddalena da cui ebbe alcuni figli e,con una famiglia,si rifugiò in Francia presso una comunità ebraica;i suoi discendenti regnarono con il nome Merovingi,creando successivamente il Sacro Romano impero, maestoso disegno di un'Europa riunita. Fallito sul piano politico, questo progetto si sarebbe invece alimentato grazie a sette religioso-esoteriche come i templari ,gli Albigesi, i cavalieri Teutonici, e a società segrete facenti capo a un'organizzazione ancor più misteriosa,il “Priorato di Sion”di cui sono stati collegati ,nel corso dei secoli ,alcuni fra i più prestigiosi dell'arte, della scienza e del cattolicesimo. Insolito reportage su duemila anni di storia ,il Santo Graal trascina il lettore in un gioco affascinante di fatti, ipotesi, analisi, interpretazioni e strabilianti coincidenze ,facendo rivivere il mistero della grande leggenda del Graal. La leggenda del Santo Graal Merlino comincia a narrare la storia del santo Graal …Poiché questa era la volontà di Dio, Artù divenne primo fra i britanni in età molto giovane, sicché Merlino, già molto vecchio e molto saggio, fu sin dall'inizio suo amico e consigliere e gli suggerì come fare sempre il bene dei Britanni e dell'isola tutta. Un giorno in cui conversavano nella fortezza di Carlaeon , Merlino disse ad Artù: < E' giunto il tempo che io ti dica le che cose che fanno parte della nostra tradizione primordiale, ma che segneranno anche i giorni del tuo regno, perché così è scritto che debba essere. E' bene perciò che tu sappia che quando il creatore sedeva ancora nello splendore, alle origini del tempo, il pi bello tra gli angeli che lo circondavano, Lucifero, peccando di superbia, si ribellò a Dio e per questo motivo fù precipitato nel mondo dell'oscurità e del dolore che è chiamato Inferno. Ma all'atto della caduta uno splendido smeraldo incastonato nella sua fronte si staccò per finire nell'Eden. Qui la pietra venne affidata al primo degli uomini che era Adamo. Egli tuttavia la perse a sua volta, per aver avuto conoscere il frutto del bene e del male, quando fù scacciato dal Paradiso. Così la pietra rimase nell'Eden per molti millenni , fino al momento in cui rimase nel paradiso terrestre un uomo di nome Seth , che altri non era che nostro signore Gesù Cristo, ed egli le dette la forma di una coppa, qual è rimasta sino ai nostri giorni. Accade poi nel tempo in cui Gesù era venuto sulla terra per riscattare i peccati degli uomini, la Giudea si trovasse sotto il dominio di Roma, il cui governatore si chiamava Pilato. Costui aveva al suo servizio un mercenario, grande guerriero, che bene aveva servito Roma in Palestina e che tutti conoscevano come Giuseppe